NFL in pillole (week 15)

Sta arrivando il Natale…e tante squadre iniziano a fare regali!

Gli stivali di Philip Rivers

Gli stivali di Philip Rivers

E’ incredibile quanta gente si sorprenda ancora che ogni domenica ci sono risultati impevisti in NFL…

La difesa di Denver continua a far venire dubbi sulla sua consistenza , il problema è che i playoff si stanno avvicinando e le risposte non sembrano arrivare.

Sarà pure vero che ci ha scocciato, ma è difficile pensare ad un MVP meno meritato di quello che vincerà, di nuovo, quest’anno Peyton Manning.

Tra l’altro: vogliamo parlare della stagione di Philip Rivers? Straordinaria! Vogliamo parlare del calzino bianco di spugna con gli stivali di vera pelle di serpente fatti vedere nel dopo partita su NFL Network? Sorvoliamo…

Da 100 a 100 quanto saranno contenti i Rams del fatto che i Redskins sono andati per la conversione da 2 e la vittoria diretta sul finire della partita con Atlanta? E soprattutto del fatto che l’abbiano sbagliata?

Bene Kirk Cousins eh! ma prima di ricadere nella sindrome Flynn ricordiamoci che quest’anno la difesa di Atlanta ha fatto abbastanza schifo.

Cutler è tornato subito con un intercetto ma poi ha fatto vedere come, nonostante McCown abbia giocato bene, la differenza tra i due esiste!

Freeeeeeenaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Freeeeeeenaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Ma nella NFC North c’è qualcuno che vuole qualificarsi per i playoff o preferiscono evitare?

Bene l’attacco di Houston eh! Bene, bene, bene… E’ ora di cominciare a capire come ripartire, perché l’ossatura della squadra ha ancora qualcosa da dire.

Ben Tate sta giocando con alcune vertebre incrinate e si sta continuamente sottoponendo ad agopuntura per cercare di lenire il dolore, e questo perché si trova nell’ultimo anno del suo contratto da rookie e spera che qualcuno gli offra bei soldi il prossimo anno. Ricordiamoci di questo quando pensiamo a quello che fanno su un campo da football questi signori.

E’ finita la striscia dei Jaguars.

Attento alla pallaaaaaaaaaa!

Attento alla pallaaaaaaaaaa!

E nel momento di maggior difficoltà Tannehill tira fuori la prestazione da incorniciare per andare a battere i Patriots. Tanto di cappello.

Come ci siamo vantati quando abbiamo detto che non credevamo in questi Dolphins e hanno iniziato a perdere, adesso dobbiamo dire che Miami si è ripresa alla grande (specie in un momento, dopo l’affaire Incognito-Martin in cui sembrava andare a sud) e lotta per un posto al sole dei playoff (e dopo questa sviolinata andranno a perdere nel freddo di Buffalo….)

30 corse per 51 yard e 3 TD! Are you kidding me? Asiata ci prende in giro, non c’è altra spiegazione!

Ah no, una spiegazione c’è: la difesa degli Eagles!

Mi sa che esiste qualcosa come l’entropia manninghiana nell’universo: se uno lancia molti touchdown l’altro deve lanciare molti intercetti perché l’equilibrio del mondo del football rimanga sano.

Pronto il nuovo singolo di Eli tra l’altro: “Intercepted by my phone”

I niners hanno praticamente dominato la sfida contro Tampa e ad un certo punto hanno rischiato anche di consegnare ai Bucs la possibile palla del vantaggio: il football è veramente imprevedibile…

Fa male anche a vederla nel video...

Fa male anche a vederla nel video…

Domenica Kaepernick ha fatto alcuni numeri veramente notevoli, con alcuni lanci di solo braccio che pochissimi, forse nessuno, nell’NFL attuale è in grado di fare. Però questo non significa necessariamente fare le cose giuste eh!

Mi sa che Carolina ha risentito ancora un po’ della batosta di New Orleans perchè la pratica Jets doveva essere chiusa molto prima e con più tranquillità.

La difesa dei Raiders: anche voi lettori potreste giocarci contro e segnare un TD.

Tutti a parlare della prestazione di Jamal Charles, ma vogliamo parlare di Alex Smith che ha fatto splendidi lanci di poche yard per permettergli tutti quei guadagni?

Lanciare 56 volte contro la difesa e la pass rush dei Rams non mi sembra l’opzione migliore…

Che giocatore che è diventato Robert Quinn! E io che l’ho preso in praticamente tutti i fantasy che faccio non posso che esserne contento! Anche se è un rivale divisionale.

Arizona ha rischiato di buttare alle ortiche tutto il buono fatto vedere in questi mesi per qualche minuto di amnesia. Il problema per loro è che ora, per qualificarsi ai playof, dovranno battere in back to back Seattle e San Francisco e potrebbe anche non bastargli!

Zitto zitto Carlson Palmer ha fatto ricredere tutti quelli che consideravano inutile se non deleterio il suo arrivo in Arizona.

Si potrebbero scrivere mille e mille cose su Dallas, Jerry Jones, Jason Garrett e Tony Romo, ma la verità è che la realtà supera la fantasia.

Giocarsi il tutto per tutto cercando di forzare il recupero di Rodgers o andare avanti con Flynn convinti che tanto sarà comunque difficile vincere il titolo? Bel dilemma quello dei Packers. Io dico che bisogna sempre giocarsela al massimo.

Una camomilla per Bryant...e pensare che stava festeggiando!

Una camomilla per Bryant…e pensare che stava festeggiando!

Se gli Steelers possono rompere le uova nel paniere a Cincinnati o Baltimora non si faranno mai pregare…

La botta che ha preso il punter dei Bengals ha fatto ricordare il Tyson dei tempi d’oro…

Detroit Lions: troveremo ogni volta il modo di sorprendervi in peggio!

Questa volta però bisogna dire che uno dei responsabili della sconfitta è certamente Calvin Johson e i suoi troppi drop.

A proposito di MVP…qualcuno, nei commenti ad un pezzo su Grantland, aveva proposto Justin Tucker, il kicker dei Ravens: siamo proprio sicuri che non meriti di entrare nel novero dei papabili? O anche in quello dell’Offensive Player?

Annunci
Categorie: Football, NFL, Pillole | Tag: , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “NFL in pillole (week 15)

  1. Giacomo

    “Mi sa che esiste qualcosa come l’entropia manninghiana nell’universo: se uno lancia molti touchdown l’altro deve lanciare molti intercetti perché l’equilibrio del mondo del football rimanga sano”.

    Una delle migliori cose che hai mai scritto a parte ogni volta che scrivi “RAMS”, ovviamente.

    Robert Quinn è fantastico e io lo adoro, come potrai ben capire, ma al fantasy parrebbe che non sia sufficiente. (era più un colpo di fioretto o un’ascia usata in maniera sommaria?)

  2. Ovviamente parlavo di fantasy che m’interessavano…. #lavolpeel’uva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: