Articoli con tag: bust

Simposio al convento – Spunti dal draft NFL

Rilanciamo ed allarghiamo (con la new entry di Daniel “ride” Molinari) l’idea che aveva portato a discutere le prime mosse della free agency di quest’anno dando un rapido sguardo a quelli che sono gli argomenti più caldi derivanti dal draft andato in scena non più di una settimana fa.

Iniziamo dal primo giro: quale scelta trovate più intrigante e quella che vi ha convinto meno? E perché?

Rocky (@FedeTri86): Due scelte su tutte, che per motivi diversi mi sono piaciute più di altre. I New York Jets si sono visti “cadere addosso” alla scelta numero 6 quello che per diversi scout era considerato come il miglior prospetto in assoluto, Leonard Williams. Se ne sono altamente fregati dei loro need (la linea difensiva, sulla carta, non aveva certo bisogno di un’ulteriore prima scelta) ed hanno, giustamente a mio avviso, scelto il miglior giocatore disponibile. L’altra scelta che mi ha sorpreso in positivo è stata l’ultima, quella di Malcom Brown ai New England Patriots. In questo caso i Pats hanno coperto un need impellente (vista la dipartita di Vince Wilfork) con un giocatore che nessuno dava fuori dalle prime 20 scelte. Non mi sento invece di criticare particolarmente nessuna delle scelte di primo giro, forse l’unica che mi ha fatto storcere il naso è stata quella dei Carolina Panthers, che hanno scelto Shaq Thompson alla 25. Credo lo avrebbero potuto trovare anche ad inizio del secondo giro, l’ideale sarebbe stato fare trade down ed accumulare ulteriori scelte.

Una scelta che farà rizzare i capelli...ai QB altrui

Una scelta che farà rizzare i capelli…ai QB altrui

aza (@azazel81): Che si scelga per talento piace molto anche a me, per questo voglio nominare la scelta dei Falcons, ovvero Vic Beasley. Atlanta sono anni che è alla disperata ricerca di un pass rusher dominante, forse su Beasley dovranno lavorare un po’ sul peso e sulla tecnica, ma il pezzo grezzo su cui plasmare il giocatore è di primissima qualità. Sono pronto a giocarmi 10 euro su una carriera migliore rispetto a quella della terza scelta assoluta dei Jaguars, Dante Fowler Jr. Per il resto non ho capito molto la scelta dei Colts al primo giro, con Dorsett. E’ pur vero che TY Hilton andrà in scadenza nel 2016 e i Colts hanno talmente tanti giocatori di talento da rinnovare che è meglio premunirsi su più tavoli (il WR da Miami peraltro gli assomiglia molto), ma oltre a sembrare un giocatore un po’ monodimensionale, ha mostrato poco altro al college. Continua a leggere

Annunci
Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , , | Lascia un commento

NFL Draft Stories – 2007

Ve lo diciamo noi chi è JaMarcus

Ve lo diciamo noi chi è JaMarcus

Ce l’abbiamo fatta con il 2000, dove non abbiamo parlato di Tom Brady, ce l’abbiamo fatta con il 2005 dove non s’è proferita parola sulla sliding door tra Alex Smith e Aaron Rodgers, mi dispiace ma non con il 2007 vi beccate la storia che tutti si aspettano di beccare: bisogna parlare di JaMarcus Russell.

Per farlo iniziamo questa volta dal fondo: parlando di Quincy Carter, avevamo lasciato quell’immagine vagamente poetica del piccolo JaMarcus sui banchi di scuola, intento a carpire tutti i segreti da l’ex cowboy su come essere un QB, una visione alternativa del ruolo che Russell ha interpretato ed elevato su nuovi livelli qualche anno dopo. Pur se suggestiva, quella visione era chiaramente inventata, ma il bello è che la realtà a volte ci sorprende più di quanto noi possiamo immaginare. È infatti cercando qualche articolo sul nostro bust preferito che uno si imbatte in un titolo del genere: “JaMarcus Russell comeback 2013: he goes back to QB school“. Continua a leggere

Categorie: Amarcord, Draft Stories, NFL | Tag: , , , , , , , , , , , | 2 commenti

NFL Draft Stories – 2000

Brady_Tom_Draft_Card_630

Draft 2000 e già me la vedo quella manciata di nostri lettori anti-Patriots che esclama “oh nooo….ancora la storia di Tom Brady scelto al sesto giro”, e invece no, questo pezzo vi sorprenderà perché parleremo d’altro. E parlare d’altro nel draft 2000 equivale, per me, a due storie: quella di Ron Dayne e quella di Sebastian Janikowski e del mondo Raiders che l’ha partorita.

Quando, nel 1936, dopo la sua morte, John Heisman divenne anche il nome del premio del miglior giocatore collegiale annuale non pensava di diventare, dagli anni 90 in poi, una sorta di maledizione. Per chiarirci, non siamo ai livelli della copertina di Madden, ma contestualizziamo e dedichiamo un attimo ai vincitori di questo premio dal 1990 al 1999 (non che considerando i successivi la percentuale di successo migliori poi tanto). Continua a leggere

Categorie: Amarcord, Draft Stories, NFL | Tag: , , , , , , , , , | 1 commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.