Articoli con tag: giro d’italia

Intervista doppia – Che Giro 2015 sarà?

Oggi parte il 98esimo Giro d’Italia, su queste pagine abbiamo ben illustrato percorso e partecipanti, quindi non dovrebbero esserci più segreti per voi, ma per celebrare compiutamente l’avvicinamento alla corsa che romanticamente unisce l’Italia tra sudore e gioia, non solo abbiamo mandato il nostro inviato Mattia “Safebet/Manta” Luchetta (@LuchettaMattia) alla partenza della crono a squadre, ma prima di lasciarlo andare l’abbiamo messo a confronto con Davide “Poz/Baliani” Cavati (@KingBaliani) sui temi più caldi che animeranno le prossime tre settimane e non solo.

Il percorso, al di là dei tapponi dolomitici, prevede tappe molto interessanti e quasi mai banali, quante tappe vincerà Diego Ulissi? Sarà un giro senza Moreno Moser: che fine ha fatto e perché?!

Davide: Il percorso è davvero interessante perché obbliga i corridori ad essere fantasiosi. Ci sono tantissime tappe che prevedono le salite più impegnative piuttosto distanti dal finale di tappa, il che può portare a due possibili situazioni, immobilismo o leggenda. Nel primo caso Ulissi avrebbe parecchie chance di ripetere l’eccellente Giro d’Italia dello scorso anno, mentre l’idolo del mio dirimpettaio Mattia, Moreno Moser, credo stia affogando nelle sabbie mobili della mediocrità.

Moreno Moser, non sarà al giro...ma nemmeno dal parrucchiere

Moreno Moser, non sarà al giro…ma nemmeno dal parrucchiere

Mattia: Per Ulissi dipende tutto se arriveranno le scorte di Ventolin (l’asma è una brutta bestia, ndr).  Su Moser non ne ho idea di che fine abbia fatto, ma se lo vedete chiedetegli il mio cuore perché se l’è portato via da un paio d’anni. Continua a leggere

Annunci
Categorie: Ciclismo | Tag: , , , , , , , , , | 1 commento

Il Ciclismo 2015 – Preview della stagione

Tour-de-France

Quattro mesi. E’ il tempo trascorso dall’ultima gara importante di ciclismo. Un letargo infinito da cui ci stiamo risvegliando in questi giorni. Occhi stropicciati e faccia gonfia, ci guardiamo intorno. Qualcosa è cambiato? Forse qualche maglia, ma i polpacci fibrosi, le costole in vista, i culi a forma di Pacman son sempre gli stessi. Quelli di una vita passata sul sellino a sperare che la crisi non arrivi. Ancora qualche metro poi mollo, ancora un po’, no dai non mollo. E noi lì ad ammirarli per un altro anno.

Continua a leggere

Categorie: Ciclismo | Tag: , , , , , , , , | 7 commenti

Irlanda, Australia, Colombia, Italia: il Giro 2014

Il più forte

Il più forte tra i colombiani, quindi il più forte di tutti

Per raccontarvi la 97esima edizione del Giro d’Italia partiamo autocitandoci: poco più di un anno fa, grazie all’intuizione di Carmine, v’avevamo raccontato di una interessante evoluzione di una scuola di ciclismo, quella colombiana. Partiamo da lì per descrivervi quello che è stato a tutti gli effetti un giro dominato da loro, con 10 maglie rosa (4 Uran, 6 Quintana), primo e secondo posto nella generale con gli stessi Quintana e Uran, miglior scalatore nella classifica dei gran premi della montagna con Arredondo che è riuscito a vincere anche una delle tappe più belle, quella con l’arrivo a Rifugio Panarotta, oltre che essere costantemente in fuga, piazzamenti e attacchi con Duarte, Pantano, Chalapud, Sebastian Henao (cugino del sospeso Sergio) e altri che ci dimentichiamo: erano ovunque e hanno esaltato questa corsa. Continua a leggere

Categorie: Ciclismo | Tag: , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Giro d’Italia – F.A.Q.

Chi vincerà il Giro?
Flip a coin. Testa vince Bradley Wiggins, croce vince Vincenzo Nibali. Il ciclista italiano ha vinto Tirreno-Adriatico e Giro del Trentino e pare che il passaggio all’Astana sia servito a fargli fare quell’ultimo passo nello sviluppo del suo talento. Nonostante tutto io son più propenso a pronosticare una vittoria del ciclista britannico. Una delle ragioni principali è che Nibali mi è apparso troppo in forma sia alla Tirreno-Adriatico che al Giro del Trentino, non vorrei che avesse raggiunto il suo picco di forma troppo presto. L’altra ragione è che la Sky ha un roster semplicemente spaventoso, con Cataldo a far da portaborracce quasi. A questo aggiungeteci che c’è una Cronometro lunghissima (55 km circa), autentica specialità della casa.

Continua a leggere

Categorie: Ciclismo | Tag: , , , , , , , | 4 commenti

MAGGIO 2012: playoff e tappe

++ CALCIO: DELIO ROSSI AGGREDISCE LJAJIC IN PANCHINA ++

Adesso te le do…

A maggio iniziamo con il calcio, è una scelta forte, ma andava fatta: si concludono i campionati, si concludono le coppe e si scaldano i motori per gli Europei. Tanta roba insomma ma cerchiamo di essere i più sintetici possibili: gli schiaffi di Delio Rossi a Ljalic e la papera di Buffon contro il Lecce restano sullo sfondo, mentre il centro del palcoscenico se lo prendono i coach vincenti. Di Matteo probabilmente non lo sa nemmeno lui come ha fatto, ma sull’albo d’oro della Champions compare il nome del Chelsea dopo anni di assalti falliti più per sfortuna che per demerito, la squadra del magnate russo Abramovich conquista il trofeo quasi da outsider, con le barricate e i gol del leone Drogba, portando per la prima a volta a Londra il massimo trofeo calcistico europeo. Probabilmente anche Mancini non sa come sia successo, d’altronde era sotto 2-1 al 90esimo e virtualmente secondo, poi i continui assalti nel finale hanno trovato doppia soddisfazione e con la vittoria sul QPR per 3-2 è arrivato anche il terzo titolo nazionale per i Citizens. Continua a leggere

Categorie: Un mese di sport | Tag: , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.