Articoli con tag: Lions

Wild Card Game Prediction

Si me l’ero davvero dimenticato, mi ero dimenticato che negli ultimi due anni avevo contributo attivamente alla perdita di credibilità di questo Blog, fornendo delle improbabili “prediction” sui Playoffs NFL. Ma diciamocelo, non è che me ne fossi dimenticato in cattiva fede o perché temessi per la mia reputazione (ma quale poi?), ma semplicemente perché dopo diversi anni sono spettatore maggiormente interessato, avendo la mia squadra del cuore (che poi è la stessa di aza) a lottare per una Wild Card, ed ero quindi in altre faccende affaccendato, nel preparare per il mio Blog (cliccate e leggetene tutti, ndr)……ma che cazzo ve ne frega a voi di tutta sta manfrina, buttiamo giù ‘ste prediction e continuiamo ad infangare il buon nome di “Quel che Passa” con i miei deliri! Continua a leggere

Annunci
Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

NFC North 2014 – Preview

Chicago Bears

Nuova maglia, stessa attitudine

Nuova maglia, stessa attitudine

Cosa è cambiato: il cambiamento più grosso riguarda lo slot di DE: è stato rilasciato il 33enne Julius Peppers, 38 sack nei 4 anni ai Bears, 119 nelle 12 stagioni tra i pro, di lui avremo modo di parlare ancora tra qualche riga; per sostituirlo è arrivato un altro veterano forte dei suoi 128,5 sack spalmati in 10 anni tra Kansas City e Minnesota: Jared Allen è di 2 anni più giovane di colui che è chiamato a sostituire e va in doppia cifra di sack dal 2007. Probabilmente un upgrade rispetto a Peppers, anche se in molti si aspettavano un ringiovanimento di una difesa che ha sofferto non poco nella passata stagione. La coppia nuova di DE titolari è completata dalla firma per 5 anni di Lamarr Houston: l’arrivo dell’ex raiders, mai in doppia cifra di sack, sancisce il fallimento, come pass rusher puro, di Shea McClellin, primo giro 2012, che sin da subito aveva fatto storcere la bocca ai tifosi di Chicago, sia per qualità tecnico/atletiche che per un inquadramento tattico difficile all’interno di una 4-3; quest’anno inizierà sin da subito come SLB, anche se Khaseem Greene potrebbe rubargli il posto da titolare. L’aspetto difensivo è quello che più preoccupava; oltre ai già citati interventi in linea, per le secondarie sono arrivati ben 5 nuove safety: Brock Vereen (quarto giro, fratello di Shane, RB ai Pats) e Ryan Mundy saranno i titolari, mentre Adrian Wilson o quel che ne resta, Danny McCray e M.D. Jennings (la cui dipartita da Green Bay è stata celebrata come un TD di Rodgers) lotteranno per fare il roster; completano le acquisizioni difensive la scelta di primo giro Kyle Fuller, CB che in prospettiva dovrà sostituire i non più giovani titolari Tillman e Jennings, e che al momento sarà un ottimo nickel back, e il DT da LSU, scelto al secondo giro, Ego Ferguson, che avrà bisogno di tempo per completare il suo gioco troppo run stuff oriented. Dal punto di vista offensivo invece c’era poco da aggiungere, l’annoso problema della linea è stato derubricato con l’arrivo del centro Brian de la Puente, mentre per i ruoli di skill, sono stati per lo più tagliati rami secchi come Devin Hester, Earl Bennett e Michael Bush, mentre toccherà al fresco Ka’Deem Carey (quarto giro da Arizona) dare respiro a Matt Forte. Continua a leggere

Categorie: Division by division preview 2014, NFL | Tag: , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Detroit Lions: il talento è nulla senza controllo!

Ai tempi di Barry Sanders i Detroit Lions erano una squadra bellissima da vedere, grandi talenti, soprattutto in attacco, gioco spumeggiante, alti punteggi, ma poi, alla fine, non raccoglievano nulla perché gli veniva sempre a mancare il proverbiale centesimo per fare la lira (o adesso si dovrebbe dire l’euro?). Ecco, l’impressione che si ha adesso guardando questi Lions dall’esterno è più o meno la stessa, con magari anche meno talento assoluto, con una guida più incerta ma con l’identica, sgradevole, sensazione che c’è nel gruppo un giocatore di livello assoluto, di quelli che ne nascono uno ogni 20 anni, che riscriverà, anzi ha già iniziato, il libro dei record ma che, come quel Barry Sanders, rischierà di veder “sprecata” (e le virgolette non sono certo messe a caso) la propria carriera senza poter vincere il massimo trofeo del football (non scrivo il nome perchè se ancora non lo avete capito vi conviene passare a leggere altro). Continua a leggere

Categorie: NFL, Team by team preview 2013 | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | 8 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.