Articoli con tag: Milan

Weekend in pillole extralarge – Dalla gita a Carpi a Valentino Maradona

È stato un weekend pieno di sport, anzi di ogni sport, tant’è che a Sky hanno creduto bene di tartassarci ad ogni ora e con ogni mezzo circa l’importanza del MySky, c’era addirittura chi suggeriva (Leopizzi, che è vivo e lotta assieme ai titoli dei giornali la mattina presto) di registrare il golf e la motogp e vedere il derby, se ci avete provato a farlo vi sarà uscito Caressa ad urlarvi la spiegazione in stile “effetto Magnus”, che non puoi registrare due cose in contemporanea e vederne una terza. Insomma non ci credevano nemmeno loro così tanto in questo nuovo ed estemporaneo tormentone sfracassamento di palle.

A proposito di MySky: che tette ha la moglie di Crozza?

Ma alla domenica sera ci arriviamo poi, iniziamo da sabato, dalla mia gita a Carpi: iniziamo da “tanto già lo so/che l’anno prossimo/gioco all’Olimpico

Il vostro appassionato di sport preferito s’è alzato dal divano ed è stato sul campo a respirare la storia di calcio che a breve riempirà i palinsesti di Sky, anzi ha già iniziato a farlo da qualche settimane: il Carpi FC 1909.

Stadio Sandro Cabassi, Carpi

Stadio Sandro Cabassi, Carpi

Continua a leggere

Annunci
Categorie: Calcio, Ciclismo, Motori, Pillole, Sport e Televisione | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Weekend in pillole – In Inghilterra non sarebbe successo

Weekend sportivo pieno di avvenimenti interessanti, ovviamente per seguire tutto ci vorrebbero 4 schermi ed 8 occhi: ad un certo punto c’è sembrato di vedere Djokovic che si spostava su un campo da tennis in sella ad una bicicletta, mentre Federer colpiva di testa e la metteva in rete, lamentandosi poi con il “falco” sostenendo che in Inghilterra non sarebbe successo. In tutto questo Galliani dichiarava: “Nole? L’ho voluto io, è milanista sin da bambino” (che è pure vero….)

Ma andiamo con ordine: Chievo – Palermo potenzialmente era “una di quelle partite” e così è stato. Passerà alla storia per essere la partita in cui i veronesi hanno ricevuto il primo rigore a favore in questo campionato. Peraltro sbagliandolo. Ora manca solo l’Udinese, che nel frattempo ne ha avuti ben 8 contro, più di tutti in A. Tartassati.

Illuminante l’intervista post partita ascoltata a Radio1: “Maran il suo vice si chiama Maraner, sembra uno scherzo del destino. Pensi se foste una coppia di doppio di tennis?” Risposta dell’allenatore: “È imbarazzante”, probabilmente si riferiva alla domanda.

A proposito di rigori:

Photobomb polemica

Photobomb polemica

Continua a leggere

Categorie: Calcio, Ciclismo, Pillole, Sport e Televisione, Tennis | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Calcio in Pillole – That win the best

Chievo - Milan in 4 facce

Chievo – Milan in 4 facce

Chievo-Milan: due legni in mezzo ad un mare di sbadigli. E il Chievo fa un altro punticino…“la pegora magna e camina”

“Non ricordo squadre che hanno vinto 0-3 o che hanno dominato a Verona contro il Chievo

Non abbiamo subito gol per due partite di fila” (Cesena e Chievo, 24 e 18 gol fatti in 25 partite)

Mpoku pare avere colpi e visione, avrà già brevettato la mpoku?

Juanito Gomez entra, si avvicina furtivo all’area di rigore, la punizione viene messa sul secondo palo e lui colpisce indisturbato. Sonnolenti.

Conti era diffidato, Conti viene ammonito, Conti sarà squalificato. Passato, presente e futuro del verbo danielecontare. Continua a leggere

Categorie: Calcio, Pillole | Tag: , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Il calciomercato in Italia: non ci resta che piangere

A rimembar i tempi andati...

A rimembar i tempi andati…

C’era una volta il campionato più bello del mondo, un campionato folto di talento, meta più ambita da tutti i calciatori più importanti. I dirigenti sportivi erano dei veri e propri squali in grado di assicurarsi le prestazioni di tutte le stelle del panorama internazionale. Oggi non è più così in Italia, dove i campioni non ci sono quasi più e i dirigenti si sono trasformati da squali in pesciolini rossi, che devono andare a mendicare ex giocatori, scarti e gente mediocre in giro per il mondo.

Galliani è l’emblema di quello che sto dicendo: l’imperatore autodefinitosi condor si è rilevato un pulcino, un dirigente che scopre il pomeriggio dell’ultimo giorno di mercato che un suo tesserato non intende trasferirsi al Parma, il responsabile di mercato che parte per prendere un giocatore tutta velocità adatto per il contropiede e ritorna con un giocatore molto tecnico ma che nulla a che fare con Biabiany. Che a Milano non ci sia più un progetto tecnico da anni non è un mistero e ad ogni sessione di mercato ne arriva la riconferma. Oltre all’acquisto di Bonaventura, a lasciarmi perplesso è l’acquisto di Torres: un giocatore sulla via del tramonto da anni che arriva in prestito biennale senza la possibilità di poterlo rivendere ed effettuare una plusvalenza mi lascia perplesso. La cessione di Cristante invece è un po’ più complessa: se da una parte è un peccato vendere un giocatore giovanissimo, dall’altra potrebbe avere un senso vendere un giocatore che non è nemmeno tanto gradito al mister.

A tirare su il giudizio del mercato del Milan (6+) c’è l’ottima cessione di Balotelli, l’acquisizione di un portiere degno di tale nome, un difensore centrale di grandissima esperienza che può rivitalizzare un reparto che ha sofferto non poco negli ultimi anni (pur restando un asset economico a perdere) e l’acquisto a parametro zero di Menez. Continua a leggere

Categorie: Calcio | Tag: , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Life of Bryan: appunti sulla cessione di Cristante

Cristante1

Durante l’estate si era parlato di una trattativa tra Milan e Benfica per la cessione di Bryan Cristante ai portoghesi, ma la cosa era stata data ormai per morta e quindi i fan si erano tranquillizzati. Poi, nelle solite ultime ore del mercato di Galliani, piene di frenetica attività, la notizia: Cristante va al Benfica, ceduto addirittura a titolo definitivo per 6 milioni di euro. Pare sia stato lo stesso giocatore a chiedere di essere ceduto, perchè sentiva il bisogno di giocare ed essere al centro del progetto. I tifosi hanno subito risposto con un’accesa protesta, con cui in un primo momento (in quanto tifoso milanista) mi sono sentito solidale. Ma poi mi sono ritrovato a chiedermi: e se il Milan avesse fatto bene a non mettere Cristante al centro del proprio progetto? Continua a leggere

Categorie: Calcio | Tag: , , | 1 commento

Hanno trovato il pollo

Scaricato, ma sempre in Ferrari

Scaricato, ma sempre in Ferrari

Chi gioca a poker lo sa, se entro mezz’ora che ti sei seduto, ancora non hai trovato il pollo da spennare, allora il pollo sei tu. Al tavolo di Balotelli si sono seduti in tanti in questi anni e continuano a sedersi, ma alla fine, i nuovi entrati fanno sempre più la figura dei polli. Lo dice un balotelliano, uno che ha sempre ritenuto affascinante il personaggio ed intrigante il giocatore, ma all’ennesima squadra che sostanzialmente lo scarica bisogna iniziare a farsi delle domande più concrete sull’ex bella promessa.

Continua a leggere

Categorie: Calcio | Tag: , , , , | 1 commento

Patologia

Ho sentito tirare

Ho sentito tirare

Patologia, dal vocabolario online della Treccani: lo studio dei problemi relativi alle malattie dell’uomo e degli animali; dal vocabolario meno edulcorato del tifoso medio (meglio se milanista) italiano: lo studio più o meno approfondito di che ca**o c’ha Pato che non gioca mai?!?

Alexandre Rodrigues da Silva, detto Pato per via della sua città natale (Pato Bianco), che gli è valsa anche il soprannome “italiano” (pato vuol dire “papero”, ndr), ha iniziato a giocare molto dopo essere arrivato ed ha smesso molto prima di andarsene: è la strana parabola di una giovane promessa, per certi versi anche espressa, che a 23 anni lascia l’Europa per tornare in Brasile, fatto più unico che raro se si considerano talento, età e valore (teorico) del giocatore. Continua a leggere

Categorie: Calcio | Tag: , , , , , , , | 6 commenti

Blog su WordPress.com.