Articoli con tag: Russell WIlson

Super Bowl Prediction

Tramonto spettacolare

Tramonto spettacolare

Eccoci finalmente alla vigilia di quell’evento talmente globale che probabilmente anche il vostro barista, che di solito non va oltre la citazione di Chirico, lunedì mattina mentre vi allunga il solito caffè vi dirà “Hai visto ? Il marito della Bundchen ha vinto il Superball”, sì perché nella sua testa si scrive così… E’ la settimana del Super Bowl baby, una settimana in cui per una volta non ti senti solo ed emarginato, unico amante di uno sport che attorno a te non molti conoscono e frequentano, ma che per almeno questa settimana vedrai citato sui giornali e citato dalle radio. Certo probabilmente nessuno ti parlerà di schemi o statistiche, generalmente ci si limita ad elencare i prezzi per ogni secondo di spot, qualcuno parlerà di Katy Perry, i più informati, come il tuo barista, saprà che Tom Brady è il marito della Bundchen…e tu vorresti tornare a sentirti solo ed emarginato… Perché tu sai il valore di un Super Bowl, e se te lo sei dimenticato ti invito ad andartelo a rileggere in questo mio articolo di un paio di anni fa.

Continua a leggere

Annunci
Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , | Lascia un commento

NFL in pillole: Championship week

Diciamo la verità: qualitativamente non saranno stati playoff eccelsi, ma a livello di emozioni siamo stati ampiamente ripagati!

Il numero dei suicidi nella zona del Wisconsin è aumentato del 500% domenica sera.

Ad influenzare la statistica soprattutto quello perpetuato da 45 giocatori in campo a Seattle…

Va bene imprecare alla sfortuna, ad un rimbalzo da una parte o dall’altra, ma i Packers devono prendersela soprattutto con se stessi per come si sono fatti sfuggire una vittoria che sembrava ormai certa.

Le parole di Carroll a fine partita? “Don’t say cat if you don’t have it into the bag!” Continua a leggere

Categorie: Football, NFL, Pillole | Tag: , , , , , , , , , | 2 commenti

NFL Divisional weekend prediction

divisional-playoffs-free-picks-ats-2013

Il primo weekend di playoffs NFL è ormai storia. Tanto ci siamo annoiati con le prime tre partite, quanto è stata divertente ed avvincente l’ultima sfida in programma che ha offerto, oltre allo spettacolo del football giocato, una bella scia di polemiche legate ad alcune (una su tutte) decisioni arbitrali piuttosto dubbie.
Carolina ha prevedibilmente battuto Arizona, pur giocando una gara piena di errori. Evidentemente le carenze offensive dei Cardinals erano davvero troppe per essere compensate da una Difesa che ha retti si il colpo finché ha potuto, ma che alla lunga ha dovuto soccombere ai Panthers.
Baltimore ha piazzato l’upset della settimana andando a battere a domicilio gli Steelers in una maniera piuttosto convincente. La pass rush dei Ravens ha messo in grande difficoltà gli Steelers, che hanno forse commesso l’errore di abbandonare troppo presto il gioco di corse. Certo l’assenza di Bell ha pesato, ma diventare così monodimensionali così presto, con un Big Ben in chiara difficoltà, ha danneggiato parecchio le ambizioni della squadra della Pennsylvania.
La Domenica è cominciata con la partita forse più brutta del lotto. Indianapolis ha davvero disposto a piacimento dei Bengals che si sono presentati senza i loro migliori 4 ricevitori. Luck, mai messo in condizione di dover affrettare le cose da una pass rush asfittica, ha potuto distribuire sapienti palloni per i suoi ricevitori, e alla lunga la difesa dei Colts non ha mai dovuto sudare più di tanto per contenere un attacco completamente spuntato e che ha perso mordente via via che la gara procedeva.
A salvare il week end sono stati i Cowboys che si sono prima fatti abusare per un quarto e mezzo da dei Lions che sembravano poter dominare l’incontro senza troppi patemi, ma che poi sono stati rimontati e superati sul filo di lana da una squadra che sembra finalmente in possesso di una compattezza e di una forza mentale di cui nessuno poteva sospettare sino a qualche mese fa. Partita caratterizzata da diverse decisioni arbitrali molto dubbie, anche se si tende a ricordarsi solo dell’ultima a favore dei Cowboys a 6 minuto dal termine dell’incontro.
Ma, se volete leggere più estensivamente di questo turno di Wild Card vi rimando al bell’articolo di Angyair, questi invece i risultati dei Miei Pronostici:
Money Line: 2 – 2
Spread: 0 – 4
Over/Under: 3 – 1 Continua a leggere

Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

NFC West 2014 – Preview

Arizona Cardinals

Mathieu, lontano dagli infortuni e lontano dai problemi

Mathieu, lontano dagli infortuni e lontano dai problemi

Cosa è cambiato: i Cardinals vengono da una stagione che è andata al di là di quelli che potevano essere i pronostici iniziali e in questa offseason hanno fatto pochi movimenti, atti per lo più a liberarsi di vecchi pesi e a dare profondità ai vari reparti. Le uniche novità in quelli che sono potenzialmente gli slot titolari riguardano il tackle offensivo Jared Veldheer in arrivo da Oakland, il CB opposto a Patrick Peterson, con l’acquisizione di Antonio Cromartie che va a formare un duo potenzialmente devastante e la firma a buon mercato di Larry Foote, per capire quanta benzina c’è ancora nel suo serbatoio e se può regalare ancora un’altra stagione, affianco all’emergente Kevin Minter. Se per la difesa la base di partenza era comunque solida, resta qualche dubbio su quello che era il vero tallone di questa squadra, ovvero la linea offensiva: l’ex raiders è un ottimo giocatore ed aiuterà a migliorare le prestazione anche agli altri compagni di reparto, ma ci si aspetta un discreto upgrade nel recupero di quello che è stato il settimo giocatore scelto in assoluto nel 2013, quel Johnatan Cooper che sta faticando non poco a riprendersi dall’infortunio e vede il suo ruolo di LG in serio dubbio a metà preseason. Completa il quadro di rafforzamento l’ingaggio last minute di Max Starks, che può dare profondità e un po’ di battaglia per il ruolo di RT con Bobby Massie, idem dicasi per Ted Larsen, ex Tampa, per i ruoli interni.. Per il resto l’attacco ha fatto chiarezza nel ruolo di RB, con il ritiro improvviso di Rashard Mendenhall, con Andre Ellington che porterà gran parte del carico e Stepfan Taylor assieme a Jonathan Dwyer (altro arrivo da Pittsburgh, qualcuno ha pensato a Bruce Arians?) a dividersi le briciole. Mentre via aerea Ted Ginn, in arrivo da Carolina, è chiamato a fare il jolly, ruolo che piano piano è riuscito a cucirsi addosso in questo pellegrinare in giro per la NFL e John Carlson porta un po’ di competizione in un reparto, quello dei TE, dove Rob Housler è al contract year e Troy Niklas scalpita per recuperare il terreno perso per un infortunio alla mano appena successivo alla sua scelta al secondo giro di questo draft. Resta da analizzare velocemente il resto del draft, con Deone Buccanon che parà già certo del suo posto da titolare, c’è ancora da capire se come safety, o come LB aggiunto, un doppio ruolo po’ come fatto (finché è stato disponibile) con Tyrann Mathieu, ovviamente con mansioni e caratteristiche totalmente differenti. Chiudendo con la difesa, pesante è l’infortunio che ha colpito nelle ultime ore Dornell Dockett che salterà tutta la prossima stagione, la linea difensiva Dockett-Campbell-Williams è (era) un fiore all’occhiello di questa squadra, ma pecca di profondità. Continua a leggere

Categorie: Division by division preview 2014, NFL | Tag: , , , , , , , , , , | 1 commento

Semplicemente over

Overmatched, overcoached, overexecuted (non so neanche se esiste questo termine…). Si può riassumere in queste poche parole l’analisi tecnico-tattico del Super Bowl giocato domenica a New York: dall’inizio alla fine l’unica squadra che sembrava preparata per quello che stava succedendo in campo è stata Seattle, e non c’è stato un singolo momento in cui si è pensato che la partita potesse in qualche modo cambiare. Continua a leggere

Categorie: Football, NFL | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

NFL in pillole (Super Bowl)

Vogliamo comunque crederci

Vogliamo comunque crederci

Avremmo voluto raccontarvi dell’ennesimo Super Bowl deciso all’ultimo possesso, ma negli anni 2000 siamo stati abituati troppo bene.

La safety al primo gioco della partita è stata da mani sui capelli, c’è di buono per Denver che alla fine non è quello che ha deciso il punteggio finale.

Di sicuro la safety come prima segnatura ha fatto star bene i bookmaker di Las Vegas…e ha creato una marea di mitomani, capitanati da Mark Cuban.

A proposito di scommesse, aveva fatto scalpore nei giorni scorsi la voce che Mayweather avesse giocato 10,4 milioni di dollari su “Denver -2”, esagerato, ma verosimile considerando il personaggio (scrivete su google  “Mayweather betting”), nominato lo sportivo con più guadagni nell’ultimo anno. Fatto sta che finita la partita è arrivata prima la smentita (paraculo?) e poi….questo tweet “I’m going to let the fans vote. Tell me who I should fight next. Khan or Maidana?” Insomma…”non ho perso 10 milioni, ma adesso ditemi su chi mi devo sfogare…(e chi me li farà recuperare…)”. Continua a leggere

Categorie: NFL, Pillole | Tag: , , , , , , , , , | 6 commenti

Championship Preview – From the trespolo?

Nooooo, ancora i Seahawks?!?

Nooooo, ancora i Seahawks?!?

Un Altro grande week end di football è passato, regalandoci 4 partite interessanti e combattute sino all’ultimo, o quasi. Alla fine sono arrivate alle Finali di Conference 4 squadre che rappresentano, a mio modo di vedere, una filosofia comune di costruzione di un Team, seppur con ovvie differenze. Ma andiamo con ordine. Seattle e San Francisco hanno letteralmente neutralizzato gli attacchi dei rispettivi avversari con l’intimidazione. Ed è proprio questo il marchio di fabbrica di questi due Team, costruiti partendo da due basi diverse (i 49ers nonostante gli scarsi risultati partivano da una base più solida) ma utilizzando comunque tutte le risorse disponibili, per mettere insieme 52 giocatori pronti a giocare con uno stile fisico ed intimidatorio, dal primo al sessantesimo minuto, e oltre. Costruite, dicevo, in modo simile e, utilizzando il Draft bene come lo hanno utilizzato, hanno potuto permettersi qualche colpo in Free Agnecy, e i due GM non hanno avuto paura a schiacciare il grilletto di una Trade quando si è presentata l’occasione. Nessuna delle due ha un QB particolarmente “glamour” (si beh forse Kap un po’ lo è), o che lanci regolarmente 25 TD a stagione, ma un apparato generale solido. Queste sono due Squadre che hanno posto l’asticella ad un altezza considerevole, e attualmente sono le lepri della Conference, chiunque voglia provarci dovrà fare i conti con loro in futuro, e non sarà semplice.

Continua a leggere

Categorie: Consigli per le scommesse, NFL | Tag: , , , , , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.