Articoli con tag: tennis

Quel che passa il nastro – Roland Garros

philippe-chatrier-roland-garros

La terra rossa più rossa

Un saluto a tutti i lettori del blog quelchepassailconvento e bentornati alla vostra rubrica sul tennis. Il torneo di Roma è alle spalle con l’ennesimo successo di Novak Djokovic, una dittatura sensazionale che sembra non avere alcun limite. ND ha perso qualche set nel corso del torneo, ma in finale è stato strepitoso schiacciando un Roger Federer decisamente in ripresa sul rosso rispetto agli scorsi anni.

COMING SOON

Il termine della vera stagione sul rosso è alle porte, arriva il secondo Slam, il Roland Garros che chiude la stagione sulla terra e apre la (breve) stagione erbivora.

Proprio oggi sono usciti i tabelloni, con un lato del tabellone decisamente sproporzionato rispetto all’altro. Continua a leggere

Categorie: Tennis | Tag: , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Se mia nonna avesse le palle, sarebbe mio nonno…

Perplesso

Se….

Quante volte avrete sentito questa risposta??

Se vi è mai capitato di ascoltare una conferenza stampa, solitamente dopo una sconfitta, di Marat Safin di sicuro almeno una.

Si perché la domanda era sempre la stessa, quella che ci siamo fatti miliardi di volte anche noi tifosi, fan, spettatori e amanti del gigante e talentuoso russo che giocatore saresti stato con un’altra testa e siccome Safin era uno diverso, mai banale, poco diplomatico e molto schietto rispondeva sempre alla sua maniera, così.

Marat nasce a Mosca e si allena fino ai 14 anni anni allo Sparatk Mosca tennis club gestito da papà Misha e sotto l’occhio vigile da sergente di ferro di mamma Islanova. Continua a leggere

Categorie: Amarcord, Tennis | Tag: , , , , , , , | 3 commenti

Indian Wells – Le pagelle

Eccoci tornati dopo l’Australian Open con le nostre pagelle…

Un centrale...un po' dispersivo

Un centrale…un po’ dispersivo

Nadal : voto 9

He’s Back. Questo è ciò che ci lascia in dote il torneo di Indian Wells appena concluso.

Certo ci vorrà la terra rossa europea per confermare se Nadal è tornato davvero o è stato solamente un fuoco di paglia, però le indicazioni sono state molto positive. Fisicamente c’è e mentalmente è il solito robot, come sottolineato da Paolo Bertolucci in telecronaca, ha solo bisogno di un’altra quindicina di partite per ritrovare anche i colpi. Ora le battute si sprecano, c’è chi dice che per tornare a vincere uno torneo sul cemento doveva star fuori sette mesi, altri sostengono invece che bastava che qualcuno gli eliminasse Djokovic, ora salterà Miami per prepararsi a difendere una quantità industriale di punti conquistati lo scorso anno sulla terra battuta, sarà una calda e interessante primavera. Continua a leggere

Categorie: Tennis | Tag: , , , , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.