Articoli con tag: terza stella

Le smentite e la deriva

Milan Bianco

Milan Bianco

Siamo alla deriva, lo siamo da un po’ e l’andamento senza alcuna guida, idea o meglio ideologia, ormai lo si nota in ogni angolo, in ogni campo, in ogni sport (che è quello di cui prova a parlare questo blog) e in particolare nel calcio, nel caso specifico…una deriva iniziata da 30 anni: se in politica avevamo avuto Tangentopoli per darci almeno la speranza di una seconda Repubblica, in FIGC, Calciopoli non c’ha dato nemmeno quella, forse.

Non ci sono più certezze. C’era lo stile Juve (c’era lo stile Juve?), che non c’è più perso tra albi d’oro ufficiali e sentimentali, schede telefoniche e quant’altro. C’era il Manchester di Ferguson, c’era Mourinho che vinceva la Coppa dei Campioni e poi andava via e ora va via perché non ha vinto la Coppa dei Campioni, anzi c’era la Coppa dei Campioni e ora c’è la Champions League. C’era l’Inter che era allo sbando, ah no quello c’è ancora. E c’era il Milan: la gestione Berlusconi-Galliani-Braida degna del miglior spot del Mulino Bianco (Berlusconi come Banderas, intrigante!). La grande Famiglia (nooo, non nel senso di Dell’Utri, Mangano, ecc…) che gestiva in maniera monolitica il suo futuro senza tralasciare l’affetto e la passione dei suoi dipendenti, ma con una direzione ben precisa. Continua a leggere

Annunci
Categorie: Calcio | Tag: , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

MAGGIO 2012: playoff e tappe

++ CALCIO: DELIO ROSSI AGGREDISCE LJAJIC IN PANCHINA ++

Adesso te le do…

A maggio iniziamo con il calcio, è una scelta forte, ma andava fatta: si concludono i campionati, si concludono le coppe e si scaldano i motori per gli Europei. Tanta roba insomma ma cerchiamo di essere i più sintetici possibili: gli schiaffi di Delio Rossi a Ljalic e la papera di Buffon contro il Lecce restano sullo sfondo, mentre il centro del palcoscenico se lo prendono i coach vincenti. Di Matteo probabilmente non lo sa nemmeno lui come ha fatto, ma sull’albo d’oro della Champions compare il nome del Chelsea dopo anni di assalti falliti più per sfortuna che per demerito, la squadra del magnate russo Abramovich conquista il trofeo quasi da outsider, con le barricate e i gol del leone Drogba, portando per la prima a volta a Londra il massimo trofeo calcistico europeo. Probabilmente anche Mancini non sa come sia successo, d’altronde era sotto 2-1 al 90esimo e virtualmente secondo, poi i continui assalti nel finale hanno trovato doppia soddisfazione e con la vittoria sul QPR per 3-2 è arrivato anche il terzo titolo nazionale per i Citizens. Continua a leggere

Categorie: Un mese di sport | Tag: , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.