Articoli con tag: Dallas Cowboys

Simposio al convento – Spunti dal draft NFL

Rilanciamo ed allarghiamo (con la new entry di Daniel “ride” Molinari) l’idea che aveva portato a discutere le prime mosse della free agency di quest’anno dando un rapido sguardo a quelli che sono gli argomenti più caldi derivanti dal draft andato in scena non più di una settimana fa.

Iniziamo dal primo giro: quale scelta trovate più intrigante e quella che vi ha convinto meno? E perché?

Rocky (@FedeTri86): Due scelte su tutte, che per motivi diversi mi sono piaciute più di altre. I New York Jets si sono visti “cadere addosso” alla scelta numero 6 quello che per diversi scout era considerato come il miglior prospetto in assoluto, Leonard Williams. Se ne sono altamente fregati dei loro need (la linea difensiva, sulla carta, non aveva certo bisogno di un’ulteriore prima scelta) ed hanno, giustamente a mio avviso, scelto il miglior giocatore disponibile. L’altra scelta che mi ha sorpreso in positivo è stata l’ultima, quella di Malcom Brown ai New England Patriots. In questo caso i Pats hanno coperto un need impellente (vista la dipartita di Vince Wilfork) con un giocatore che nessuno dava fuori dalle prime 20 scelte. Non mi sento invece di criticare particolarmente nessuna delle scelte di primo giro, forse l’unica che mi ha fatto storcere il naso è stata quella dei Carolina Panthers, che hanno scelto Shaq Thompson alla 25. Credo lo avrebbero potuto trovare anche ad inizio del secondo giro, l’ideale sarebbe stato fare trade down ed accumulare ulteriori scelte.

Una scelta che farà rizzare i capelli...ai QB altrui

Una scelta che farà rizzare i capelli…ai QB altrui

aza (@azazel81): Che si scelga per talento piace molto anche a me, per questo voglio nominare la scelta dei Falcons, ovvero Vic Beasley. Atlanta sono anni che è alla disperata ricerca di un pass rusher dominante, forse su Beasley dovranno lavorare un po’ sul peso e sulla tecnica, ma il pezzo grezzo su cui plasmare il giocatore è di primissima qualità. Sono pronto a giocarmi 10 euro su una carriera migliore rispetto a quella della terza scelta assoluta dei Jaguars, Dante Fowler Jr. Per il resto non ho capito molto la scelta dei Colts al primo giro, con Dorsett. E’ pur vero che TY Hilton andrà in scadenza nel 2016 e i Colts hanno talmente tanti giocatori di talento da rinnovare che è meglio premunirsi su più tavoli (il WR da Miami peraltro gli assomiglia molto), ma oltre a sembrare un giocatore un po’ monodimensionale, ha mostrato poco altro al college. Continua a leggere

Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La tempesta dopo i Divisional

Presente, passato e futuro?

Presente, passato e futuro?

Tutti sono già con la mente alla domenica dei Championship, presto anche noi avremo il solito articolo introduttivo ai due match e le nostre previsioni, ma cosa resta alle squadre che sono appena entrate in modalità offseason? Il loro punto d’arrivo sarà il punto di partenza per la prossima stagione o bolle dell’altro in pentola? Le stagioni di Baltimore, Carolina, Dallas e Denver sono state piuttosto diverse tra loro sia come aspettative sia per come sono state condotte sino all’ultimo snap, ma ora cosa rimane ai rispettivi management? Quali saranno e quali sono state le prime mosse successivi all’uscita di scena? Continua a leggere

Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , | Lascia un commento

NFL Divisional weekend prediction

divisional-playoffs-free-picks-ats-2013

Il primo weekend di playoffs NFL è ormai storia. Tanto ci siamo annoiati con le prime tre partite, quanto è stata divertente ed avvincente l’ultima sfida in programma che ha offerto, oltre allo spettacolo del football giocato, una bella scia di polemiche legate ad alcune (una su tutte) decisioni arbitrali piuttosto dubbie.
Carolina ha prevedibilmente battuto Arizona, pur giocando una gara piena di errori. Evidentemente le carenze offensive dei Cardinals erano davvero troppe per essere compensate da una Difesa che ha retti si il colpo finché ha potuto, ma che alla lunga ha dovuto soccombere ai Panthers.
Baltimore ha piazzato l’upset della settimana andando a battere a domicilio gli Steelers in una maniera piuttosto convincente. La pass rush dei Ravens ha messo in grande difficoltà gli Steelers, che hanno forse commesso l’errore di abbandonare troppo presto il gioco di corse. Certo l’assenza di Bell ha pesato, ma diventare così monodimensionali così presto, con un Big Ben in chiara difficoltà, ha danneggiato parecchio le ambizioni della squadra della Pennsylvania.
La Domenica è cominciata con la partita forse più brutta del lotto. Indianapolis ha davvero disposto a piacimento dei Bengals che si sono presentati senza i loro migliori 4 ricevitori. Luck, mai messo in condizione di dover affrettare le cose da una pass rush asfittica, ha potuto distribuire sapienti palloni per i suoi ricevitori, e alla lunga la difesa dei Colts non ha mai dovuto sudare più di tanto per contenere un attacco completamente spuntato e che ha perso mordente via via che la gara procedeva.
A salvare il week end sono stati i Cowboys che si sono prima fatti abusare per un quarto e mezzo da dei Lions che sembravano poter dominare l’incontro senza troppi patemi, ma che poi sono stati rimontati e superati sul filo di lana da una squadra che sembra finalmente in possesso di una compattezza e di una forza mentale di cui nessuno poteva sospettare sino a qualche mese fa. Partita caratterizzata da diverse decisioni arbitrali molto dubbie, anche se si tende a ricordarsi solo dell’ultima a favore dei Cowboys a 6 minuto dal termine dell’incontro.
Ma, se volete leggere più estensivamente di questo turno di Wild Card vi rimando al bell’articolo di Angyair, questi invece i risultati dei Miei Pronostici:
Money Line: 2 – 2
Spread: 0 – 4
Over/Under: 3 – 1 Continua a leggere

Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Playoff picture di metà stagione

jim_mora_playoffsA metà del cammino di nostra regular season, mi pare necessario dare uno sguardo più ad ampio respiro alle classifiche e parlare di quella che è la famigerata playoff picture. Parto da due strisce interessanti che rischiano di terminare, la prima è la famigerata “beati gli ultimi che saranno i primi”: sostanzialmente dal 2003 almeno una squadra arrivata ultima in division l’anno precedente, ha vinto poi la division stessa l’anno successivo; le candidate a tenere aperta questa striscia ad inizio anno erano Buffalo, Cleveland, Houston, Oakland, Washington, Minnesota, Tampa e St. Louis, andremo poi più nel dettaglio ma a naso, stante la mia delusione per Houston, al momento l’unica squadra con qualche chance è Cleveland, il che lo rende ancora più difficile. L’altra striscia invece riguarda una cosa che ho sentito sbadatamente in telecronaca in una delle partite dell’ultima settimana (credo fosse durante il sunday night) che vuole che almeno una squadra con record negativo alla week 9 abbia poi a fine anno fatto i playoff a fine stagione: sono andato a controllare quanti sono gli anni consecutivi e sono 3 (2103: Eagles 4-5, 2012: Redskins 3-6, Bengals 3-5, 2011: Broncos 3-5), anche se l’analista mi pare riportasse valori su più anni. Disclaimer: dati soggetti ad errori, essendo di produzione privata. Continua a leggere

Categorie: NFL | Tag: , , , , , , , , , | 1 commento

I Dallas Cowboys e il Gattopardo

Arrivano i rinforzi (da dx Escobar, Randle e Williams)

Arrivano i rinforzi (da dx Escobar, Randle e Williams)

Finita l’NBA, sulla via del tramonto anche la stagione NHL, in ritardo rispetto al solito causa lockout, mai iniziata (per chi tifa Chicago Cubs) la stagione MLB, continuiamo a riempire le pagine di questo blog con pezzi riguardanti la NFL. Questo è il periodo della stagione più noioso (ma non ditelo ai tifosi Patriots, che dopo essere stati investiti dalla firma di Tebow, adesso devono gestire i trambusti derivanti dalla brutta storia che ha colpito Aaron Hernandez). L’intenzione ambiziosa è quella di ripercorrere team by team la lega per descriverne i cambiamenti, dare dei primi giudizi (pregiudizi?) sull’operato primaverile e capire cosa possiamo aspettarci dalla prossima stagione, cercando di non essere troppo prolissi.

Iniziamo, a caso, dai Dallas Cowboys: Giuseppe Tomasi di Lampedusa sarebbe orgoglioso di loro, il gattopardesco “cambiare tutto per non cambiare nulla” sembra infatti essere la massima che ha guidato i jerryjoneses in questi ultimi 4 mesi. Continua a leggere

Categorie: NFL, Team by team preview 2013 | Tag: , , , , , | 7 commenti

NFL Draft Stories – 2007

Ve lo diciamo noi chi è JaMarcus

Ve lo diciamo noi chi è JaMarcus

Ce l’abbiamo fatta con il 2000, dove non abbiamo parlato di Tom Brady, ce l’abbiamo fatta con il 2005 dove non s’è proferita parola sulla sliding door tra Alex Smith e Aaron Rodgers, mi dispiace ma non con il 2007 vi beccate la storia che tutti si aspettano di beccare: bisogna parlare di JaMarcus Russell.

Per farlo iniziamo questa volta dal fondo: parlando di Quincy Carter, avevamo lasciato quell’immagine vagamente poetica del piccolo JaMarcus sui banchi di scuola, intento a carpire tutti i segreti da l’ex cowboy su come essere un QB, una visione alternativa del ruolo che Russell ha interpretato ed elevato su nuovi livelli qualche anno dopo. Pur se suggestiva, quella visione era chiaramente inventata, ma il bello è che la realtà a volte ci sorprende più di quanto noi possiamo immaginare. È infatti cercando qualche articolo sul nostro bust preferito che uno si imbatte in un titolo del genere: “JaMarcus Russell comeback 2013: he goes back to QB school“. Continua a leggere

Categorie: Amarcord, Draft Stories, NFL | Tag: , , , , , , , , , , , | 2 commenti

NFL Draft Stories – 2001

nfl draft logo 2001

I piatti principali del draft 2001 li andiamo a pescare al secondo giro, ma un paio di paragrafi dedichiamoli anche ad una storia che molti di voi già conosceranno. Perché anche chi non segue l’NFL ha sentito parlare di O.J. Simpson e la storia che colpisce Michael Vick è paragonabile come portata mediatica alla vicenda dell’uomo con le mani più grandi dei guanti che (non) indossava, che recitò anche nelle “pallottole spuntate”.

Le battaglie sanguinarie tra cani, le scommesse, le uccisioni degli stessi, i traffici illeciti che c’erano dietro, hanno sconquassato la vita di Michael Vick, l’hanno portato in prigione per 2 anni, fuori dalla NFL per 3. Quando scoppia il caso, Vick ha 26 anni ed è un giocatore che ha già spaccato in due l’America dal punto di vista sportivo, interpreta il ruolo di QB in maniera nuova, rivoluzionaria, è comunque uno degli uomini di copertina della lega, non ci dilunghiamo sui milioni di dollari che perde con questa bruttissima faccenda e non lo facciamo nemmeno sulla storia della “seconda chance” tanto cara agli americani e ai tifosi degli Eagles. Continua a leggere

Categorie: Amarcord, Draft Stories, NFL | Tag: , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.